CORTE DI GIUSTIZIA DELL’UNIONE EUROPEA: CONCLUSIONI

CatturaCURIAOggi, giovedì 25 ottobre 2018, sono state esposte e pubblicate le Conclusioni dell’Avvocato Generale Henrik Saugmandsgaard Øe sul sito della Corte di Giustizia Europa, in merito alle cause nell’ambito di una controversia tra la Mobit Soc e la Regione Toscana, riguardante l’aggiudicazione definitiva ad Autolinee Toscane SpA.

I.      Introduzione

1.        Con due ordinanze del 6 aprile 2017, il Consiglio di Stato (Italia) ha presentato alla Corte due domande di pronuncia pregiudiziale sull’interpretazione dell’articolo 5, paragrafo 2, e dell’articolo 8, paragrafo 3, del regolamento (CE) n. 1370/2007 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 23 ottobre 2007, relativo ai servizi pubblici di trasporto di passeggeri su strada e per ferrovia e che abroga i regolamenti del Consiglio (CEE) n. 1191/69 e (CEE) n. 1107/70 (2).

2.        Tali domande sono state presentate, da un lato, nell’ambito di una controversia tra la Mobit Soc. cons. arl, un consorzio che riunisce diverse imprese italiane operanti nel settore dei trasporti, e la Regione Toscana (Italia), riguardante l’aggiudicazione definitiva ad Autolinee Toscane SpA, impresa controllata dalla Régie autonome des transports parisiens (RATP), di un contratto di servizi di trasporto pubblico locale e, dall’altro, nell’ambito di una controversia fra Autolinee Toscane e Mobit che rientra nel medesimo contesto di fatto.

3.        Con tali questioni, il giudice del rinvio intende, in sostanza, accertare se gli articoli 5 e 8 del regolamento n. 1370/2007 debbano essere interpretati nel senso che un operatore, quale Autolinee Toscane nella controversia di cui al procedimento principale, deve essere escluso da una procedura di aggiudicazione tramite gara sulla base del rilievo che tale operatore è controllato da un altro operatore, vale a dire la RATP in tale controversia, che ha beneficiato di un’aggiudicazione diretta prima dell’entrata in vigore di tale regolamento (3).

4.        Per i motivi che esporrò qui di seguito nelle presenti conclusioni, ritengo che nessuna disposizione del regolamento n. 1370/2007 osti, nelle circostanze di cui alla controversia principale, all’aggiudicazione tramite gara di un contratto di servizi di trasporto pubblico ad un operatore quale Autolinee Toscane.

Scarica le Conclusioni dell’Avvocato generale UE (C-350-17 e C-351-17)

Bus toscani da insufficienza. Ecco cosa deve migliorare

Schermata 2017-03-15 alle 15.49.55 QN – Mercoledì 15 marzo 2017 – di Paola Fichera – INSUFFICIENZA piena per i bus toscani. E il brutto voto arriva sia da chi sul bus ci sale tutti i giorni e, a maggior ragione, da chi su questo mezzo ha deciso di non salirci. E stiamo parlando dell’80 cento della popolazione. I dati arrivano dal sondaggio commissionato a Ipsos da Autolinee Toscane, il consorzio di imprese, capeggiato dalla francese Ratp, che si è aggiudicato i primi due round nello scontro a colpi dì ricorsi al Tar cal Consiglio di Stato sulla gara per il Tpl toscano […] Leggi l’articolo integrale

TPL: TAR BOCCIA IL RICORSO DI MOBIT (TGR Toscana – 9 Febbraio 2017)

Il TGR Rai della Toscana parla della decisione del Tar che ha bocciato la richiesta di sospensiva di Mobit. La gara regionale del TPL procede e “il passo finale sembra più vicino”. Mobit e AT dovranno presentare i nuovi Piani Economici e Finanziari. Il servizio del TGR RAI Toscana (Edizione delle 19.30 del 9 febbraio 2017)

Guerra dei bus: udienza Tar e Consiglio di Stato (Nazione Pisa – 31.01.2017)

Schermata 2017-02-08 alle 15.29.05

La Nazione Pisa – 31 gennaio 2107 – L’8 FEBBRAIO l’udienza del Tar, poi il pronunciamento del Consiglio di Stato. Nuovo capitolo della `guerra dei
bus’ che vede da una parte il consorzio Mobit -presieduto da Zavanella – e dall’altra i francesi di Autolinee toscane-Ratp a cui nel 2015 la Regione ha aggiudicato l’appalto. Decisione contro cui Mobit ha presentato ricorso al Tar, il quale ha escluso entrambe le offerte annullando, di fatto, la gara. Leggi l’articolo integrale